PSEUDONARCISIMO

quando SEMBRA NARCISISIMO MA NON LO E'

 

Guarda il video su YouTube! (eng sub)

 

 

 

Questo video è di vostro interesse? Allora non perdete ...

 

 

Pseudonarcisismo

 

Vengo contattato da diverse persone circa le problematiche connesse al narcisismo e spesso queste persone tendono a definire narcisisti i partner passati o quelli con i quali hanno problemi. Questo succede per vari motivi: in effetti c’è una sovrainformazione rispetto a questo argomento, poi devo dire che a monte di alcuni soggetti che davvero hanno questo disturbo di personalità, altri non soddisfano i criteri diagnostici necessari per parlare di narcisismo. Ma quel è la differenza fra narcisismo e pseudonarcisismo? Molte persone giudicano narcisista il partner semplicemente perché il partner è disinnamorato e il comportamento che una persona non più innamorata può avere verso il partner simula involontariamente, o meglio può essere confuso per chi non ha un occhio clinico, con un comportamento narcisistico in quanto si può osservare un certo grado di distacco, di freddezza affettiva che può essere fraintesa come scarsa empatia, tradimento, bugie e una pletora di segnali che possono essere confusi con il narcisismo. Come fare a distinguere il narcisismo con questo pseudonarcisismo? Tenuto conto che spesso, anche per una nostra quota narcisistica non accettiamo la verità più semplice, cioè: questa persona non è più innamorata di noi, non ci vuole più, e invece cerchiamo nell’altro una motivazione patologica per avere delle motivazioni più complesse che giustifichino l’abbandono che stiamo subendo. Ora, come ho detto in un altro video, il sintomo patognomico del narcisismo è l’incapacità di amare, di innamorarsi; per cui se il vostro partner ha una storia affettiva precedente a quella con voi ricca, gradevole e invece di voi non si riesce a innamorare, è poco empatico eccetera, già solo questo può fare pensare che il soggetto non sia narcisista ma che semplicemente abbia smesso di amare voi. Quindi abbiamo il fattore rabbia, ovvero la rabbia narcisistica. Una persona che ha smesso di amarci può avere atteggiamenti di distacco, insofferenza, fastidio ma la rabbia narcisistica a confronto è molto più feroce e soprattutto molto più svalutante, una rabbia che tende a schiacciare l’altra persona, ad umiliarla. La rabbia di chi ha smesso di amarci è più simile a un’insofferenza, a un distacco a una non voglia di frequentarci, la rabbia narcisistica è invece sempre proiettiva con elementi paranoidei, cioè ci butta addosso una serie di vissuti fortemente sgradevoli che ci fanno sentire male. Poi c’è il fattore legato all’empatia: il narcisista è una persona che ha un deficit empatico pervasivo non solo diretto a noi. Una persona che sa commuoversi con un film, con un libro, con gli animali, i bambini però nei nostri confronti si mostra fredda, è probabile che non sia narcisista ma solo disinteressata a noi. Questo in sintesi, naturalmente la cosa è più complessa di così. Senza voler tirare l’acqua al mio mulino, non è che dovete venire da me, però se avete il desiderio di comprendere la natura di una relazione che state vivendo sappiate che l’occhio clinico è insostituibile; non sostituitevi a un clinico nel voler fare diagnosi ad una persona la quale, peraltro, potrebbe pure essere infastidita dalla cosa. Ciò che spesso sfugge alle persone che mi consultano è che tanto più il partner è realmente narcisista, quanto più implicitamente la persona ammette una propria fragilità. Perciò non bramate così tanto nel vedere la patologia nell’altra persona perché in qualche modo, di riflesso potrebbe implicare una situazione di disagio in voi. Più state a lungo con una persona patologica, più di fatto in voi c’è una fragilità che dovrete indagare. Spero di aver chiarito a grandi linee la differenza fra narcisismo e pseudonarcisismo, in tutti i casi rifatevi ad un professionista qualificato nel caso voleste indagare questa dimensione.

Avete bisogno di chiarirvi le idee su un rapporto che avete vissuto o che state vivendo, e che vi dà l'impressione di avere "qualcosa che non va"? Volte provare a comprendere meglio certe dinamiche che vi stanno togliendo energie e speranze di essere felici? Siete riusciti a liberarvi dalle catene di un rapporto nocivo ma portate ancora le tracce dolorose di una simile esperienza? Contattatemi con fiducia (tel 335.5880355 o email - info@psicologoinrete.com) se avete bisogna di una consulenza, possiamo incontrarci in studio od online tramite Skype.

 

Today I want talk to you about a particular topic that I would define pseudo-narcissism. where I got this idea? Several people with narcissism related problems have contacted me and often these people tend to define past partners or those with whom they have problems as narcs. This happens for several reasons: for instance, there is actually an information overload about this issue online and many people defined narcs do not meet in fact the diagnostic criteria to talk about narcissism. But what is the difference between narcissism and pseudo-narcissism? Many people judge a partner as narc simply because the partner is no more in love with her/him and the behavior that a person no more in love can unintentionally simulates, or rather can be confused for those without a clinical eye, with a narcissistic behavior as it can observe a certain degree of detachment, emotional coldness that can be misinterpreted as a lack of empathy, betrayal, lies and a plethora of signs that can be confused with narcissism. How to distinguish narcissism and pseudo-narcissism? Often, even for our own narcissistic side we don’t accept the simple truth, that is: this person is no longer in love with us, and instead we seek a pathological motivation to have more complex reasons justifying the abandonment we are suffering. Now, as I said in another video, the pathognomonic symptom of narcissism is the inability to love, to fall in love; so, if your partner has a personal affective history rich and pleasant and in the same time he/she is “unable” to fall in love with you, well, this can just make to think that the subject is not narcissistic but that he/she simply has stopped to love you. Then we have the anger factor, the narcissistic rage. A person who has ceased to love can suffer impatience, annoyance or could search distance from you, but narcissistic rage in comparison is fiercer and above all much more denigrating, an anger that tends to crush the other person, to humiliate you. The anger of those who have ceased to love is more like an impatience, the desire to avoid you, narcissistic rage is rather always projective with paranoid elements throwing against us a series of highly unpleasant narc’s inner elements that make us feel bad. Then there is the factor linked to empathy: the narcissist is a person who has a pervasive empathic deficit not only directed to us. A person who shows feelings and can be touched with a film, a book, animals, kids, though scarcely empathic to us, it’s likely that is not narc but only disinterested in us. This the topic in brief, of course it is more complex than that. Without wanting to pull water to my mill, however, if you have the desire to understand the nature of a relationship that you are living, you must know that the clinical eye is irreplaceable; don’t play the headshrinker role and avoid to make clinical diagnosis to a person who, moreover, could well be annoyed by it. What people who consult me often don’t realize is that the more the partner is really narcissistic, the more the person implicitly admits its own fragility. So do not crave so much to see a mental disease in a partner because somehow, indirectly, it could imply an uncomfortable situation for you. The longer a relationship with a toxic partner is lasting, more in you could be a fragility that you will have to investigate. I hope I have made clear the difference between narcissism and pseudo-narcissism, in all cases search for a qualified practitioner if you would like to investigate this issue. Bye and see you on my next videos!

 

 

 

Dott. Alessandro Pedrazzi 2008-2018© p. iva 06390570965