XXI SEX

Nuova enciclopedia sessuale

 

 

 

ALLOMULCIA. Attività sessuale consistente nel toccare e/o palpeggiare il corpo di un’altra persona. ¶ Dal gr. allos, altro + lat. mulceo, palpare.


ALLONEMIA. Atto di fantasticare, durante il coito, su un’altra persona che non è quella con la quale si sta facendo sesso, in genere perché esteticamente più desiderabile. L’eventualità di avere fantasie sessuali con un’altra persona rispetto a quella con la quale si sta facendo l’amore è comune e per nulla patologica, soprattutto per i membri di coppie che condividono una vita sessuale da parecchio tempo. Cosa diversa se l’allonemia diventa cronica e assume le caratteristiche dell’allorgasmia. ¶ Dal gr. allos, altro + nemo, dividere.


È quel genere di cose che non si dice alla propria compagna ma sì, ammetto che alcune volte ho pensato ad altre mentre lo facevo con lei. A me non sembra di aver tolto nulla al rapporto o all’affetto. L’ultima volta si trattava di una donna che avevo incrociato per strada, non so neppure chi è. Però era bellissima. Allora quando stavo finendo con *** e la stavo prendendo da dietro ho avuto questa fantasia e non è stato affatto male. È successo e succederà. Penso che lo faccia anche lei ma, come dicevo, non è quel tipo di confidenze che vale la pena di scambiarsi” (t.r.a.)


ALLOPELIA. Piacere che si può provare nell’osservare materiale pornografico, o altro materiale erotico; l’allopelia non ascrivibile al voyeurismo. Nella maggioranza dei casi non ha carattere ossessivo né compulsivo e comunque presuppone che i protagonisti del filmato fossero consapevoli di essere oggetto di successiva osservazione, quando invece il vero voyeurista cerca di “rubare” con la vista situazioni intime senza il consenso di coloro che vengono osservati. ¶ Dal gr. allos, altro + pelo, derivare (piacere).


ALLORGASMIA. Condizione di coloro che sono incapaci di raggiungere l’orgasmo senza fantasticare su un partner più desiderabile di quello con cui stanno facendo sesso. L’allorgasmia può essere un segnale abbastanza chiaro del fatto che il partner abituale non possiede più le qualità ritenute soggettivamente necessarie e sufficienti per portare il piacere al suo apice. La coppia può comunicare e lavorare insieme per sviluppare o ripristinare queste qualità, che possono essere fisiche come psicologiche. La condizione, nelle femmine eterosessuali e negli omosessuali maschi prende il nome di alloandrismo, nei maschi eterosessuali e nelle donne omosessuali è detta alloginismo. → allonemia. ¶ Dal gr. allos + orgasmos, orgasmo con l’altro.


Alla fine, ogni volta che facevamo l’amore, per venire dovevo passare in rassegna tutta una serie di donne: da quelle famose alla mia collega di lavoro. Una specie di sfilata porno: sopra, sotto, davanti, dietro. Chiudevo gli occhi e mi concentravo. Lei mi stava sopra e io, con gli occhi chiusi, pensavo di essere dentro ***, la collega con cui ero andato a pranzo il giorno stesso. Be’, non è bello, lo so. Infatti la storia poi è finita” (t.r.a.)


ALLOSESSOFILIA. Impulso istintivo e indomabile all’attività sessuale con un soggetto dell’altro sesso senza alcuna discriminazione relativa all’estetica o all’affinità personale. È un comportamento tipico del periodo adolescenziale. ¶ Dal gr. allos, altra persona.


ALLOTRIORASTIA. Sin. di xenofilia. ¶ Dal gr. allotrios, straniero + erastes, amante.


ALLOVALENTE. Persona che sperimenta diversi episodi d’impotenza con il partner usuale ma che non ha alcun problema se fa sesso con un’altra persona. → Coolidge (effetto). ¶ Dal lat. alius, altro + valere, valere.


ALLUMEUSISMO. Condizione della donna (allumeuse) che si compiace nello stuzzicare i desideri maschili senza dare nulla in cambio e senza coinvolgersi in alcun tipo di relazione. Si tratta di un comportamento molto comune nelle ragazze in età adolescenziale che in tal modo possono misurare il proprio potere seduttivo evitando implicazioni sessuali e al contempo soddisfano in maniera obliqua le proprie pulsioni sessuali. L’evoluzione di questo comportamento e la sua cronicizzazione, detto appunto allumeusismo, può essere fatto rientrare nelle parafilie di tipo sollecitativo, in cui la seduttività assume un carattere afinalistico. Nell’allumeusismo si rintracciano inoltre elementi sadici e di dominazione insiti nella negazione di soddisfazione sessuale e affettiva implicata in una seduzione fine a se stessa. Tale comportamento è tipico delle donne con disturbo isterico ed istrionico di personalità.Dal fr. allumeuse, colei che accende.


ALPHA SUB. In una relazione d’impronta BDSM nella quale un soggetto dominante governa l’azione di più sottomessi, l’apha sub è l’individuo che fra questi ultimi riceve più attenzioni da parte del Dom e gode di un particolare potere e rispetto da parte degli altri sub.


ALTALENA SESSUALE. 1) Struttura di pelle con catene di metallo da assicurare al soffitto o alle pareti, sulla quale almeno uno dei partner può appoggiarsi stando in sospensione mentre l’altro lo penetra. Esistono modelli che possono sostenere il peso di entrambi i partner. 2) Banda di tessuto con  delle cavigliere all’estremità. Essa viene passata dietro il collo in modo che le gambe, fermate alle caviglie, rimangano sollevate, così che alcune posizioni sessuali siano possibili senza che il partner debba trattenere il peso delle gambe della partner durante la penetrazione. → mobile erotico.


ALTOCALCIFILIA. Feticismo per i tacchi alti. Si tratta di una forma particolare di retifismo. ¶ Dal lat. altus, alto + calceus, scarpa.


ALT PORN. Anche alternaporn. In ambito pornografico, produzioni il più delle volte indipendenti, che vedono come protagonisti soggetti appartenenti a subculture sessuali o a gruppi alternativi: punk, gotici, individui con Bod-Mod, etc. ¶ Abbr. dell’ing. alternative, alternativo.


ALTRA SPONDA. Loc. utilizzata il più delle volte in tono scherzoso che, figurativamente, equipara il genere maschile e quello femminile a due sponde opposte di un bacino idrico e quindi gli omosessuali a persone che “soggiornano” sulla sponda che non appartiene loro su base genetica. La loc. è più spesso utilizzata in riferimento agli omosessuali maschi piuttosto che alle donne omosessuali.


ALTRIGENDERISMO. Periodo dello sviluppo in cui il ragazzino o la giovane ragazza inizia a interessarsi e ad essere attratto da persone del sesso opposto al proprio. ¶ Dal lat. alter, altro + ing. gender, genere.


ALTRUISMO SESSUALE. Atteggiamento della persona che, durante l’attività sessuale, si cura del piacere dell’altro, vive come un piacere proprio il godimento del partner, posticipa l’orgasmo se questo sopraggiunge prima di quello del partner o, nel caso l’orgasmo avvenga prima, fa in modo di dedicare tempo ulteriore perché anche il partner raggiunga l’apice del piacere. Rientra in questa forma d’altruismo anche l’atto sessuale dedicato al partner senza che si pretenda in cambio nessun tipo di gratificazione. L’altruismo sessuale ha luogo solo se entrambe le persone della coppia sanno alternativamente mostrarsi attente al piacere dell’altro poiché è improbabile che una persona si dimostri indefinitamente altruista verso una partner che, in modo egoistico, pensa solo a soddisfare il proprio piacere nella maniera più sbrigativa. Non è altruismo sessuale l’atteggiamento della persona che, nella coppia, gode la sessualità “per procura”, cioè non sperimenta mai un proprio godimento fisico ma si bea unicamente del piacere che riesce a procurare all’altro; questo pseudo-altruismo è, con tutta probabilità, una strategia difensiva che maschera blocchi legati alla sfera psicosessuale.


Lei non mi fa spesso sesso orale. Un po’ credo che la cosa non le piaccia più di tanto ma penso che sia anche perché io non lo faccio spesso a lei. Non ne ho voglia. Lo ammetto, sono un pigro rispetto a questa cosa. Lei è una persona... come dire... molto riconoscente, quindi è molto probabile che se io lo facessi a lei, lei lo farebbe a me. Sì, forse dovrei stare più dietro a questa cosa...” (t.r.a.)


ALVEOFILIA. Parafilia legata all’uso della doccia e del bagno. → ablutofilia. ¶ Dal lat. alveus, mastello.


È andata così. L’ho spogliata e ho riempito la vasca. Il gioco era che lei non dicesse nulla intanto, altrimenti mi sarei fermato. Si è messa nella vasca e io, fuori, mi sono messa a lavarla, un pezzo alla volta, come fosse una bambina. Le ho lavato i capelli e tutto il resto, senza che lei dicesse una parola, ma chiaro che la cosa stava facendo salire la temperatura, capisci? Poi è uscita dall’acqua, l’ho asciugata, le ho spalmato della crema idratante. Quindi l’ho presa in braccio e l’ho portata in camera e l’abbiamo fatto” (t.r.a.)


ALVINOFILIA. Tendenza parzialistica a trarre piacere dall’osservazione di una persona con la pancia prominente, in genere perché gravida. → maieusofilia; gravidofilia; parzialismo; adipofilia. ¶ Dal lat. alvus, ventre.


Dal medioevo fino al XVII secolo, in diverse parti dell’Europa, il ventre femminile divenne il centro dell’attenzione erotica. Non era raro che gli abiti femminili fossero imbottiti, all’altezza della pancia, con placche di stagno per dare l’impressione che la donna fosse incinta. Questo accorgimento andava di moda soprattutto fra le donne non ancora maritate.


AMANTE. In senso letterale, persona che ama; il termine può essere adatto ad identificare il proprio partner, il coniuge o la persona con la quale si è fidanzati. Tuttavia generalmente il vocabolo indica una persona coinvolta in una relazione amorosa segreta o illecita.


AMANTE-FANTASMA, sindrome del. Quadro psicopatologico caratterizzato da passione amorosa indirizzata verso persone sconosciute o appena intraviste. Nella scelta della persona da amare, il soggetto che presenta questa sindrome è in genere pesantemente influenzato dai media e dalla notorietà di cui gode l’oggetto d’amore. Di norma la persona innamorata non cerca il contatto diretto con il personaggio amato, né si aspetta che il proprio sentimento venga ricambiato: in tale stato, l’amore segreto può perdurare per anni, nei casi più gravi anche tutta la vita. In altri casi la persona organizza la propria esistenza intorno a questo nucleo affettivo patologico e, non sopportando più la consapevolezza dolorosa che il proprio amore non possa essere ricambiato, tenta in diversi modi di entrare in contatto con il soggetto amato, giungendo alla persecuzione e a sviluppare l’idea delirante che il personaggio in questione ricambi segretamente il suo affetto, oppure che sicuramente lo amerebbe se solo lo conoscesse. → erotomania.


AMATEUR. In ambito pornografico, fotografie o filmati prodotti da non professionisti e che ritraggono non professionisti (definiti anch’essi amateur) in atti sessuali. La diffusione di strumenti di ripresa ed acquisizione video, così come la pubblicazione gratuita di media su internet, ha consentito un’ampissima diffusione di materiale porno amateur. Esso pare ottenere un grosso successo in quanto l’imperizia delle riprese e la naturalezza dei protagonisti risultano caratteristiche apprezzate dai fruitori, i quali, in tali media, riescono a ritrovare un maggiore rispecchiamento della propria vita sessuale rispetto alle produzione pornografiche patinate realizzate da professionisti. Ai protagonisti del porno amateur sembra essere riconosciuto il valore di una normalità che si fa ancor più intrigante nel momento in cui se ne può catturare l’intimità. ¶ Ing.: amatore, amatoriale.


AMAUROFILIA. Condizione di chi è particolarmente eccitato da situazioni nelle quali il partner è impossibilitato a vedere, poiché, ad esempio, si trova in una stanza buia. La pseudo-cecità del partner può essere un vantaggio per coloro che vivono in maniera angosciosa la propria nudità, che soffrono di un profondo senso d’inadeguatezza estetica o non vogliono essere osservati mentre sono impegnati in atti sessuali per i quali probabilmente nutrono sensi di colpa o imbarazzo. ¶ Dal gr. amaurosis, cecità.


AMAZZONISMO. Tipo di condotta relazionale di una donna che mira, soprattutto tramite l’uso delle armi della seduzione, all’acquisizione del potere nella gestione della coppia, della famiglia e, per estensione del concetto, della società, sostituendo al classico modello patriarcale uno matriarcale. → pornocrazia. ¶ Dal gr. amazones, Amazzoni (le senza mammella), mitiche guerriere che secondo il mito greco avevano l’uso di amputarsi la mammella destra per meglio tirar d’arco, quindi in senso fig. donna risoluta, di animo virile e bellicoso.


AMBIBIOSI. Condizione di una coppia convivente, formata da un/una omosessuale e da una/un eterosessuale del sesso opposto al primo, che finge di essere una coppia eterosessuale. ¶ Dal lat. ambo, entrambi + gr. bios, vita.


Premetto che eravamo amici da tempo e che la cosa era successa ai tempi dell’università e che i suoi non sapevano ancora che era gay. In effetti era un po’ un casino. Comunque facevamo la coppietta anche se poi ognuno aveva in privato i propri interessi. Si riusciva a convivere bene. Alla fine abbiamo inscenato una rottura ma siamo rimasti in contatto per un po’. Dopo l’ho ribeccato su Facebook. Io fidanzata con un ragazzo e lui pure” (t.r.a.)


AMBIERASTIA. Sin. di bisessualità. ¶ Dal lat. ambo, entrambi + gr. erastes, amante.


AMBIGUO. In ambito sessuale, detto di persona non dichiaratamente omosessuale ma che presenta elementi o comportamenti caratteristici del sesso opposto al proprio, per cui l’attribuzione del suo orientamento sessuale non è determinabile con certezza. ¶ Dal lat. ambigere, dubitare, essere indeciso.


AMBISESSUALITÀ. Sin. di bisessualità. ¶ Dal lat. ambo, entrambi.


AMBLUROSI. Graduale diminuzione del desiderio sessuale, come ad esempio si osserva in vecchiaia. ¶ Dal gr. amblus, senza vigore.


AMBOSESSI. O ambisesso. Maschio o femmina, indifferentemente. Soprattutto nella messaggistica privata, per indicare che l’inserzionista cerca un partner sessuale senza nessuna specifica preferenza per il sesso. → unisex. ¶ Dal lat. ambo, tutti e due.


AMBULOFILIA. Tendenza a trovare altamente eccitante l’osservazione di una persona che cammina, ovvero il suo incedere. Allo stesso modo la propria camminata è investita di grande importanza seduttiva, poiché si ritiene che altri guardino e si eccitino. Per accentuare l’effetto erogeno della propria deambulazione, l’ambulofilo può posizionare oggetti di diverso tipo fra le gambe o negli indumenti intimi, in modo che essi possano creare frizione con la zona genitale. ¶ Dal lat. ambulare, passeggiare.


Un cliente regolare di un bordello che si trovava nello stato dell’Oregon negli anni ’40, pagava due prostitute affinché lo guardassero mentre si denudava, si metteva un paio di scarpe col tacco, si posizionava in una vasca da bagno e camminava avanti e indietro. La richiesta fondamentale era che le due donne gli tirassero delle arance sulle natiche mentre lui era impegnato a camminare. Alla fine lui sarebbe uscito dalla vasca, avrebbe raccolto le arance, le avrebbe messe in un sacchetto, si sarebbe rivestito e se ne sarebbe andato. (Love, 1988)


AMELOTASI. Sin. di acrotomofilia. ¶ Dal gr. α + melos, senza arto + tasis, tensione (sessuale).


AMENORREA. Assenza di flusso mestruale che si protrae per più di 3-6 mesi. Al di fuori di fenomeni fisiologici normali che interrompono il ciclo mestruale (gravidanza, allattamento, menopausa), lo stato amenorroico dovrebbe sempre essere indagato a livello medico. L’amenorrea può essere distinta in primaria, se il flusso mestruale non è mai comparso entro i 16 anni di età, o secondaria, se l’assenza delle mestruazioni avviene dopo essere comparso per uno o più cicli. L’amenorrea può avere cause anatomiche, legate ad anomalie che impediscono la produzione e/o la fuoriuscita del flusso mestruale (imene imperforato, insufficienza ovarica, malformazioni uterine e/o vaginali) o cause ipotalamo-ipofisarie. La maggior parte degli stati amenorroici sono giustificati da questo secondo gruppo di cause e spesso si manifestano in associazione a situazioni d’intenso impegno psicofisico o in rapporto a bruschi cali di peso; l’attenuazione dell’impegno psicofisico e il recupero ponderale consentono di ristabilire il più delle volte la ciclicità mestruale. ¶ Dal gr. α + men,-os, mese, mensile + -rrhoia, flusso.


AMFIGENESI. Condizione di omosessualità non assoluta. Il soggetto amfigenico ha per lo più rapporti sessuali con membri del proprio sesso ma sporadicamente intrattiene rapporti eterosessuali; si tratta di un tipo di bisessualità. ¶ Dal gr. amphi + genesis, che genera ambiguità.

 

INDIETRO <------------------------------> AVANTI

 

A/Acr - Acro/Ador - Ados/Agal - Agap/Agra - Agri/Alloi - Allom/Amfig - Amfis/Anaf - Anafr/Anel - Anell/Antig - Antip/Ase - Asf/Ax - B/Bbg - Bbt/Black - Blast/Bu - C/Cas - Castr/Che - Chi/Clin - Clino/col - Coll/Cors - Cort/Cy - D/Dida - Didc/Dy - E/Ema - Eme/Ev - F/Fem - Femm/Flato - Flatu/Fwb - G/Gio - Gioc/Gy - H/Hy - I/Ind - In/Iu - J/Ko - L/Lu - M/Masi - Mast/Me - Met/Mu - N/Nepi - Nepio/Ny - O/Ona - Ond/Oz - P/Pedi - Pedo/Pied - Pier/Pom - Pomp/Prep - Pres/Pu - Q/Qx - R/Rev - Rew/Ry - S/Sco - Scop/Sess - Sesso/Sissi - Sissy/Spe - Sper/Stere - Steri/Sy - T/Testi - Testo/Tr - Tra/Ty - U/Ut - V/Verg - Vergi/Vu - W/Yu - Z/Zo.

 

Text copyright © Alessandro Pedrazzi 2010 - All rights reserved
I punti di vista espressi nel testo sovrastante sono quelli dell’autore. Le informazioni mediche contenute in questo testo non possono essere intese con finalità diagnostica e non costituiscono un’alternativa alla consulenza offerta da un professionista del settore. Qualsiasi marchio registrato, immagine o prodotto citato o rappresentato nel testo appartiene alla società o alla persona fisica che ne detiene i rispettivi diritti legali.

 

Volete approfondire privatamente qualche argomento o problematica legata alla sessualità? Siete curiosi di comprendere approfonditamente alcuni concetti psicologici legati al sesso, per questioni personali o di studio? Contattatemi con fiducia (tel 335.5880355 o email - info@psicologoinrete.com) , ci possiamo vedere in studio od online tramite Skype..

 

 

Dott. Alessandro Pedrazzi 2008-2018© p. iva 06390570965